Riserva Naturale Monte Casoli di Bomarzo

Riserva Naturale Monte Casoli di Bomarzo

Riserva Naturale Monte Casoli di Bomarzo
5
소개
동물보호 가이드라인을 충족함
수정을 제안하여 표시 사항 개선하기
이 리스팅 정보 개선하기

5.0
풍선 5개 중 5.0리뷰 9건
훌륭함
9
매우 좋음
0
보통
0
형편 없음
0
최악
0

claudio d
비테르보, 이탈리아포스팅 38,984건
풍선 5개 중 5.0
2023년 1월
Area protetta di 285 ettari per lo più collinari, con alternanza di pianori, forre, aree boscose e zone coltivate/pascoli. Si trova ad ovest/nord-ovest del paese di Bomarzo, nel cui territorio comunale ricade la quasi totalità della riserva. In parte è delimitata ad ovest/nord-ovest dal torrente Vezza ed est dal fosso di Santa Maria di Monte Casoli (o Sodera); a sud-ovest confina con la Selva di Malano, che racchiude i suoi enigmatici manufatti etruschi, dalla quale un sentiero permette di accedere alla riserva. La strada più comoda è però quella che inizia da sotto il paese di Bomarzo, lasciando sulla dx l'entrata al Sacro Bosco (il famoso Parco dei Mostri) e proseguendo sulla sterrata per poco più di 4 km, arrivando così alla chiesa medievale (ma ampliata nel XVI secolo) di Santa Maria di Monte Casoli, nei pressi della quale si potrà parcheggiare l'auto. La strada, specie d'inverno, è talvolta piena di buche, con tratti fangosi e anche dissestati, ma comunque percorribile. La chiesa si può considerare al centro della riserva e da qui quindi iniziare la sua esplorazione. Peraltro proprio a poche centinaia di metri dalla chiesa vi sono le evidenze archeologiche più significative, ovvero i resti di un insediamento rupestre, che risale sicuramente all'epoca etrusca (di tale periodo sono indubbiamente le tagliate) ma che fu abitato, dopo l'abbandono per la "pax romana", dall'alto medioevo fino agli inizi del rinascimento; e al periodo medievale risalgono probabilmente la maggior parte degli ipogei che si incontrano, oltre ai resti delle fortificazioni (anche se parte di quest'ultime, come anche i fossati, possono ascriversi agli etruschi) . Certo qualche cartello esplicativo e segnaletica per i sentieri non avrebbe fatto male, perchè talvolta non è chiaro dove andare e si procede alla cieca, o all'avventura. Anche se le aperture degli ipogei al livello del terreno sono state transennate, nei pressi dell'area archeologica bisogna stare sempre attenti, anche perchè molti ipogei sono anche a ridosso della rupe del pianoro. Oltre ai resti archeologici, l'area consente passeggiate tra la natura contraddistinta da una flora, ambientazioni e geologia del territorio abbastanza variegate.
2023년 1월 13일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

Federico D
리볼리, 이탈리아포스팅 372건
풍선 5개 중 5.0
2019년 8월 • 친구
Se volete fare delle belle passeggiate nella natura, magari al fresco dele torride giornate allora dovete andare. Ci si può fermare per fare picnic o un bel pranzo immersi nella natura del sottobosco del parco. Vi è presente volendo anche un bar-ristorante con una toilette se serve.
2019년 8월 19일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

Kaciaro K
Caprarola, 이탈리아포스팅 1,932건
풍선 5개 중 5.0
2018년 5월 • 커플
Vicino al famosissimo Parco dei Mostri si trova una stupenda area naturalistica come molti altri siti della Tuscia .ci sono traccie di un castello una chiesa ben conservata ed una vasta necropoli con colombai intorno alle fresche acque del torrente vezza da vedere assolutamente
2018년 6월 1일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

eugenio s
리미니, 이탈리아포스팅 11건
풍선 5개 중 5.0
2017년 11월 • 가족
Bellissimo sito, caverne etrusche,primitive e poi medievali dove i bambini si posso perdere nella storia.
Nota negativa il degrado che viene lasciato un pezzo di storia della nostra nazione.
2017년 11월 21일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

Ardelio_Loppi
Vasanello포스팅 290건
풍선 5개 중 5.0
2016년 4월 • 개인
La località di Monte Casoli, a circa 5 km dall’abitato di Bomarzo (proseguendo lungo la strada che porta al famoso “Parco dei Mostri”), è particolarmente cara ai bomarzesi poiché qui, da tempo immemorabile, tutti si recano per la tradizionale scampagnata del lunedì di Pasqua. Il luogo, un pezzo miracolosamente ancora intatto del grandioso passato di questa terra, presenta la morfologia tipica della Tuscia orientale, caratterizzata dai contrafforti del vulcano Cimino-Vicano che scemano nella piana alluvionale del Tevere in un reticolo di profonde “forre”: ferite mai rimarginate di sconvolgimenti tettonici ed eruzioni di portata inimmaginabile. L’imponente banco di tufo rosso su cui si sviluppa il pianoro di Monte Casoli si estende da est a ovest tuffandosi a perpendicolo, come una sorta di sella, verso i fossi Vezza e Santa Maria di Monte Casoli (o Sodera). La “punta” orientale si chiude a triangolo presentando quindi lungo i perimetri nord-sud delle rupi che ne limitavano l’effettiva difesa al solo lato ovest. Una posizione strategica privilegiata che favorì l’insediamento stanziale dei vari gruppi umani qui stabilitisi nei secoli. I molti ritrovamenti archeologici del periodo etrusco un po’ su tutto il territorio circostante, hanno a lungo fatto credere che le vestigia - soprattutto il vasto complesso ipogeo ricavato sul lato sud - fossero da attribuire proprio a questo popolo; legittimando persino la credenza che qui sorse l’antica Polimartyum etrusca. Eppure gli studi qui compiuti nel 2008 dalle archeologhe Claudia Cippitelli e Marilena Screpante non hanno ravvisato alcun elemento probante a supporto di questa ipotesi.
Il lavoro delle due studiose, un capillare puzzle di tutto il materiale documentale sommato a mesi di studio sul campo, le ha infatti portate ad affermare che non è possibile allontanarsi troppo da una cronologia, di realizzazione ed abbandono, compresa tra il X e XIV secolo d.C.: l’insediamento sarebbe insomma sorto in pieno periodo medievale. I resti dell’abitato sono raggiungibili percorrendo un fossato scavato nel tufo, posto sul limite occidentale dell’insediamento, lungo il quale si aprono tre ingressi, due conducono all’area del castello, l’altro al centro del pianoro. Da quest’ultimo è possibile cogliere le tracce di una strada che attraversava l’area in direzione est-ovest, fino a congiungersi ad un percorso che consentiva l’ingresso dal lato est. Da questa via, che “spacca” centralmente il pianoro è possibile raggiungere i vari ambienti ipogei del versante settentrionale e quelli del versante meridionale, collegati tra loro da una serie di strette “tagliate” o gradini scavati nel tufo.
A caratterizzare il lato ovest, più esposto, i resti di una cinta muraria che correva da nord a sud, e quelli di un fortilizio-castello. È per rendere ancora più ardua la presa dell’insediamento che, frontalmente, fu scavato il largo fossato. Percorrendo lo stesso verso sud è possibile accedere ai colombai, una serie di vani scavati nel tufo le cui pareti sono completamente traforate di nicchiette a prospetto quadrangolare, a “casetta” e triangolare. Si tratta di un tipo di complesso che presenta da sempre grandi problemi interpretativi sia per la destinazione d’uso che per la cronologia. Forte è infatti l’opinione che queste strutture servissero da loculi per le urne cinerarie e che, semmai, furono ri-utilizzati in un secondo tempo per l’allevamento dei piccioni. Tuttavia, secondo Claudia Cippitelli e Marilena Screpante i colombai di Monte Casoli sarebbero stati realizzati in epoca medievale proprio e soltanto per l’allevamento di questi uccelli.
All’estremità orientale dell’abitato sono presenti altri ipogei, che stando alle due studiose testimoniano attività di tipo produttivo. E quindi cantine, cave, stalle e un ambiente che denoterebbe elementi riconducibile ad una fornace da calcio. Presso il castello sono poi visibili due cisterne presumibilmente per l’acqua. All’esterno dell’abitato si trova la Chiesa di Santa Maria di Monte Casoli databile all’XI-XII secolo, e riedificata nel XVI. Sotto alla struttura oggi visibile sono presenti i resti di un’antica chiesa rupestre triabsidata scavata nel tufo a cui si accede tramite uno stretto cunicolo. Quest’ultima potrebbe essere ricollegata ad un atto del Monastero di San Silvestro in Capite, del X secolo, che cita tra le proprietà del Monastero di San Terenziano un oratorio dedicato a Santa Maria situato proprio a Monte Casoli. Secondo Cippitelli e Screpante non è però possibile stabilire con certezza se si tratti proprio di quella struttura poiché le fonti medievali citano solo la Chiesa di San Leone, “posta nelle immediate adiacenze del castello”, e certo gli oltre 200 metri che separano i ruderi del maniero dalla chiesa di Santa Maria poco si attagliano alla descrizione; non depone peraltro a favore il fatto che l’edificio si trovi fuori dalla cinta muraria. Le due studiose hanno in compenso individuato, più o meno al centro dell’abitato, i resti di un piuttosto cospicuo edificio allo stato di non facile lettura, che propongono come più che plausibile alternativa.
2017년 2월 22일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

Salvatore Sansone
비테르보, 이탈리아포스팅 217건
풍선 5개 중 5.0
2016년 3월 • 친구
Davvero un pezzo di natura a parecchi sconosciuto...ma davvero bello e semplice da esplorare anche in famiglia con figli o persone grandi...percorsi non difficili, paesaggi mozzafiato e opere etrusche a fare da contorno ?
2016년 3월 28일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

mariarosa86o
Bologna, Emilia-Romagna, Italy포스팅 10건
풍선 5개 중 5.0
2014년 10월 • 친구
il grande verde , sorpresa gradevole.regione poco conosciuta, spero di ritornare presto, e ritrovare tutto così anzi meglio.
2014년 10월 23일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

PATRIZIA O
토리노, 이탈리아포스팅 260건
풍선 5개 중 5.0
2014년 8월 • 커플
Si tratta di un altopiano in mezzo ad una natura selvaggia e viva; c'è anche una chiesetta "Madonna di Montecasoli" meta di pellegrinaggio dei Bomarzesi il giorno di Pasquetta. Sono stati messi cartelli con descrizione della flora presente, ma molto interessante è la miriade di grotte etrusche che sono al di sotto di tale altipiano: Bomarzo lo si vede oltre la vallata ed è veramente uno spettacolo
2014년 9월 7일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.

Bologna201820172016
비테르보, 이탈리아포스팅 77건
풍선 5개 중 5.0
2014년 4월 • 가족
Siamo stati giorni or sono nella Riserva naturale di Monte Casoli. La strada è la stessa che porta al Parco dei Mostri di Bomarzo, solo che invece di entrare al Parco si prosegue la strada.Natura di una bellezza particolare e se siete fortunati arriverete alle tombe etrusche....
2014년 5월 1일 작성
이 리뷰는 트립어드바이저 LLC의 의견이 아닌 트립어드바이저 회원의 주관적인 의견입니다. 트립어드바이저에서는 리뷰를 확인합니다.
귀하의 트립어드바이저 리스팅인가요?
이 시설의 오너이거나 운영자입니까? 리뷰에 대한 답변 등록, 프로필 업데이트 등의 서비스를 누리려면 리스팅을 신청하십시오.
내 리스팅 신청하기

Riserva Naturale Monte Casoli di Bomarzo - Riserva Naturale Monte Casoli di Bomarzo의 리뷰 - 트립어드바이저

음식점항공권여행 스토리크루즈렌터카